L’allenatore Casadei: “Ce la metteremo tutta, fin qui stagione positiva”

Si avvicina la giornata numero 22 per il campionato di Serie B maschile del volley, Girone E. La Celanese Volley Forlì aspetta la Sampress Nova Loreto (AN) all’Unieuro Arena di Forlì, sabato 7 aprile alle 18.00.
All’andata finì 3 a 2 per i marchigiani oggi noni in classifica e già ampiamente salvi. Forlì viene da 2 vittorie e 2 sconfitte nelle ultime 4 gare e ha blindato il proprio terzo posto in classifica, ora molto difficile da migliorare. “E’ chiaro che quando per salire devi basarti sugli errori altrui, hai meno motivazioni a spingerti” commenta Raffaele Casadei, allenatore in seconda della Celanese Volley. “Ma i nostri ragazzi hanno già dimostrato di avere carattere, non sarebbe da loro gettare la spugna. Mancano ancora cinque gare alla fine, compresa la prossima contro Loreto. In palio ci sono 15 punti, noi siamo a meno 7 dalla seconda: finché la matematica non ci condanna è nostro dovere dare il massimo”.

Anche perché il calendario potrebbe riservare delle sorprese. “Portomaggiore, che è seconda, non avrà vita facile” prosegue Casadei. “Prima hanno una trasferta impegnativa a Osimo, poi la partita contro Ferrara, che è un derby e fa storia a sé. Noi invece dobbiamo vendicare la sconfitta dell’andata contro Loreto e poi aspettiamo la prima della classe, Montalbano, contro cui sarà bello confrontarci. Insomma, sarà un finale intenso da vivere”.

Al di là del risultato conclusivo, il campionato della Celanese lascia l’ambiente molto soddisfatto. “Dati alla mano, è una stagione positiva” conferma Casadei. “Si è creata una buona squadra, con un gruppo coeso su cui continuare a costruire. Abbiamo lanciato dei giovani interessanti, come Donati e Hoxha al centro, che provenivano da categorie inferiori e hanno dimostrato di meritare la promozione. Ha esordito un ragazzo del 2001, Andrea Pirini, in un momento storico non facile per i settori giovanili maschili del territorio. E anche i giocatori di esperienza hanno fatto molto bene: mi riferisco a Mengozzi e a Sirri, il nostro capitano, che è un punto di riferimento assoluto e secondo me può giocare a questi livelli ancora per tanto tempo”.

Pin It on Pinterest

Share This